George Monbiot

Immagine di George Monbiot

George Monbiot

George Monbiot è l'autore dei libri più venduti Heat: how to stop the planet burn; L'età del consenso: un manifesto per un nuovo ordine mondiale e uno Stato prigioniero: la presa del potere da parte delle multinazionali della Gran Bretagna; così come i libri di viaggio investigativi Poisoned Arrows, Amazon Watershed e No Man's Land. Tiene una rubrica settimanale per il quotidiano Guardian.

Durante sette anni di viaggi investigativi in ​​Indonesia, Brasile e Africa orientale, è stato colpito da colpi di arma da fuoco, picchiato dalla polizia militare, ha fatto naufragio ed è stato punto in coma avvelenato dai calabroni. È tornato a lavorare in Gran Bretagna dopo essere stato dichiarato clinicamente morto al Lodwar General Hospital, nel Kenya nordoccidentale, dopo aver contratto la malaria cerebrale.

In Gran Bretagna si unì al movimento di protesta stradale. È stato ricoverato in ospedale dalle guardie di sicurezza, che gli hanno piantato una punta di metallo nel piede, fracassandogli l'osso centrale. Ha contribuito a fondare The Land is Ours, che ha occupato terreni in tutto il paese, inclusi 13 acri di proprietà immobiliari di prima qualità a Wandsworth appartenenti alla società Guinness e destinate a un gigantesco ipermercato. I manifestanti hanno picchiato la Guinness in tribunale, hanno costruito un eco-villaggio e hanno mantenuto la terra per sei mesi.

Ha ricoperto borse di studio o cattedre presso le università di Oxford (politica ambientale), Bristol (filosofia), Keele (politica) e East London (scienze ambientali). Attualmente è visiting professor di pianificazione presso la Oxford Brookes University. Nel 1995 Nelson Mandela gli ha conferito il Global 500 Award delle Nazioni Unite per gli eccezionali risultati ottenuti in campo ambientale. Ha anche vinto il Lloyds National Screenwriting Prize per la sua sceneggiatura The Norwegian, un Sony Award per la produzione radiofonica, il Sir Peter Kent Award e il OneWorld National Press Award.

Nell'estate del 2007 gli è stato conferito un dottorato onorario dall'Università dell'Essex e una borsa di studio onoraria dall'Università di Cardiff.

Sottoscrivi

Tutte le ultime novità da Z, direttamente nella tua casella di posta.

Institute for Social and Cultural Communications, Inc. è un'organizzazione no-profit 501(c)3.

Il nostro numero EIN è #22-2959506. La tua donazione è deducibile dalle tasse nella misura consentita dalla legge.

Non accettiamo finanziamenti da sponsor pubblicitari o aziendali. Contiamo su donatori come te per svolgere il nostro lavoro.

ZNetwork: notizie, analisi, visione e strategia di sinistra

Sottoscrivi

Unisciti alla community Z: ricevi inviti a eventi, annunci, un riassunto settimanale e opportunità di coinvolgimento.